PRO BONO

La gioia di restituire
Sappiamo di aver ricevuto molto dalla vita, per questo vogliamo dare qualcosa indietro.
Negli anni abbiamo sostenuto numerose organizzazioni e progetti italiani e internazionali nel loro impegno a favore di chi ha più bisogno. Non solo contribuiamo economicamente, finanziando direttamente iniziative di scolarizzazione in comunità marginali in Africa e America centrale, ma offriamo traduzioni gratuite per progetti i cui obiettivi rientrano nella nostra visione per il futuro.
La scuola è uno strumento fondamentale per uscire dalla spirale di povertà, violenza e miseria in cui numerosissimi bambini sono avvolti nelle zone rurali dei paesi centro africani e centro americani. Garantire che il maggior numero possibile di bambini riceva l’istruzione di base e che i servizi educativi siano all’altezza delle necessità dei più giovani è un aspetto fondamentale della nostra visione di responsabilità sociale. Ma non sono solo i bambini a dover andare a scuola.
Anche la formazione degli adulti è un potente contributo allo sviluppo delle regioni meno avanzate. Fornendo agli adulti le conoscenze necessarie ad affrontare le crisi alimentari, a praticare un’agricoltura più resiliente e sostenibile, a curare l’ambiente del loro territorio, a imporsi contro i soprusi ambientali e sociali, li aiutiamo a migliorare le proprie condizioni di vita e contribuiamo al miglioramento della sostenibilità ambientale e sociale di intere regioni. Così facendo, riduciamo l’emigrazione delle conoscenze dalle comunità locali e miglioriamo le prospettive ambientali del nostro pianeta.
Se la vostra organizzazione ha un progetto a impatto sociale volto a sostenere la scolarizzazione o la formazione di giovani e adulti oppure un’iniziativa a favore dell’ambiente, mettetevi in contatto con la nostra agenzia di traduzioni e illustrateci la vostra idea.
Prenderemo in considerazione tutte le proposte ricevute e valuteremo con attenzione e responsabilità la possibilità di offrire traduzioni gratuite.
A che serve avere se non si sa dare?

0 Comments